Cristina Fanelli

soprano

frequenta il Conservatorio di Bari, sua città natale, studiando e diplomandosi nel marzo 2017 al triennio di canto lirico sotto la guida di Domenico Colaianni e di Lucrezia Messa. Comincia l’attività concertistica già nel 2016, ma debutta in ambito barocco nel 2017 per il Festival della Valle d’Itria nella produzione Altri canti d’amor, nei ruoli di Ninfa e Ingrata, diretta da Antonio Greco. Nel 2018 debutta al Festival del Maggio Musicale Fiorentino nel ruolo di Venere nella Dafne di Marco da Gagliano diretta da Federico Maria Sardelli e infine al Festival Hokutopia International Music Festival di Tokyo nei ruoli di Fortuna e Minerva ne Il ritorno di Ulisse in Patria di Claudio Monteverdi diretta da Ryo Terakado. Nel 2018 vince il concorso Stradella Young Project, a cui si susseguono concerti nei maggiori festival di musica barocca, e nel 2019 il Premio Fatima Terzo a cui segue l’esecuzione dello Stabat Mater di Pergolesi.